Paolo Ferro (Carrozzeria Sprint):
“Compro originale perché è giusto"

"Non compro per fare punti, compro perché è giusto comprare originale e perché ne vale la pena". Evviva la sincerità. Paolo Ferro, titolare insieme al padre Francesco e al fratello Antonio dell'azienda di famiglia 'Carrozzeria Sprint' di Milano, è abituato a dire pane al pane e vino al vino. Ce ne siamo accorti.

Non compra per fare punti ma è contento di aver vinto l'iPhone con la campagna 'L'Originale Ti Premia'?
È venuto il promoter a consegnarmelo personalmente. Mi ha detto che ero stato estratto e mi ha fatto piacere, lo sto usando.

Perché dice che "è giusto comprare originale?
A parte che se lavori con le compagnie assicurative non puoi montare ricambi di concorrenza, l'originale è più immediato e va bene sempre. Il ricambio di concorrenza non sarà mai preciso come uno originale, la plastica sarà più rigida, la lamiera più sottile…
In Carrozzeria Sprint di base montiamo solo ricambi originali, il 99 per cento degli acquisti è originale.  

E arriva in Via Visconti Bernabò con Miro?
Miro ci è stato proposto dalla concessionaria con cui ho il mandato Fiat. Lavoriamo con il consorzio da tanti anni, mai pensato di lasciare. È buona la scontistica, perché saltano tutti gli intermediari, e poi il servizio è veloce, la consegna è due volte al giorno, sono tutti gentili.

Vale lo stesso anche per le concessionarie socie?
Ordino i ricambi via mail o per telefono, più per telefono: mi piace parlare, sapere se il pezzo c'è o quando sarà disponibile. E comunque preferisco un rapporto più personale.
Sul fronte assistenza al 99 per cento funziona bene tutto, poi c'è sempre 'Calimero', ma è un caso. Ormai siamo amici con tutti.

Siete carrozzeria autorizzata Fiat: una buona scelta?
Siamo autorizzati Fiat da sempre, ma sui dieci ingressi giornalieri - soprattutto auto di fascia media, intorno ai 30mila euro - non è certo il marchio più rappresentato. Non so se lo manterrò, dipenderà dall'evoluzione.
Il lavoro in generale è calato parecchio - negli anni d'oro abbiamo provato ad essere in 12, oggi siamo in cinque compresi mio padre e mio zio che vanno per gli 80 - anche perché le compagnie di noleggio come Ald, Arval, Leasys hanno cominciato a rivolgersi ai multiservice lasciando le carrozzerie pure come la nostra. Aggiungiamo il calo dei sinistri... Diciamo che stiamo vivendo un momento di crisi che rispecchia quello del Paese.

Il multiservice come 'soluzione'?
Servono investimenti. Nella nostra zona, San Siro, ci sono tante carrozzerie e tanti gruppi, c'è movimento. È un momento transitorio per questo settore, aspettiamo un paio d'anni per capire come evolverà e valutare i prossimi passi.
I nostri sono clienti fedeli, fidelizzati. Il rischio di perderli dipende soprattutto dalla compagnia assicurativa che manda dove vuole; le persone si fanno influenzare, non sanno che puoi avere un risarcimento diretto anche se non sei convenzionato con quella compagnia. A volte il cliente si sposta suo malgrado, per un piccolo danno sono soldi, e non vuole correre rischi.

Anche 'Sprint' è convenzionata con diverse compagnie...
Sarebbe giusto essere indipendenti ma ora come ora, visto come va il mercato, sono favorevole alle convenzioni, anche se economicamente ci rimettiamo. Si spera almeno in un flusso di lavoro costante.

I vostri punti di forza?
La qualità del lavoro, la disponibilità, l'uso dei ricambi originali, i preventivi fatti a regola d'arte, mai a caso. Il cliente ha tutto chiaro fin da subito.

  • Giro d'Italia in... elettrico
    23 marzo 2019 - Hanno percorso 1.250 chilometri lungo le direttrici Roma-Milano e Torino-Venezia le due Volkswagen e-Golf protagoniste del Giro d'Italia in elettrico promosso da LeasePlan in collaborazione con Repower e Volkswagen. Non si è trattato di una gara ma di un viaggio, dal 25 al 28 febbraio, per dimostrare che la mobilità a emissioni zero...

  • Fusione Psa-Fca: rumors scatenano la Borsa
    20 marzo 2019 - La famiglia Peugeot è pronta a sostenere Psa in eventuali operazioni di acquisizione che potrebbero coinvolgere anche Fca. A rilanciare i rumors su una possibile alleanza, dopo quelli circolati al Salone dell'Auto di Ginevra, è Robert Peugeot: intervistato da Les Echos, l'amministratore delegato della holding di famiglia si dice appunto...

  • Cittadini nel caos: quale motore scegliamo?
    18 marzo 2019 - La demonizzazione del Diesel ha avuto tra i suoi effetti quello di creare confusione tra gli italiani che si apprestano a sostituire la propria auto. Lo rivela l'indagine Doxa 'Cittadini nel caos: quale motore scegliamo?' presentata all'evento milanese Forum Automotive. Secondo lo studio a risposta multipla, il 71 per cento non si sente...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK