Franco Benati (SIPAV),
"Novità per i clienti Miro"

In 60 anni di attività, tanti ne ha festeggiati a gennaio SIPAV, "l'esperienza e la collaborazione con i costruttori partner esclusivi ci hanno portato a creare un pacchetto prodotti di altissimo livello, che copre tutte le esigenze del cliente". Lo ha detto Franco Benati, Sales Manager Italia, da un quarto di secolo in forza all'azienda del gruppo Cemb specializzata nel settore delle attrezzature e del materiale di consumo per officine meccaniche e gommisti.

SIPAV ha da poco rinnovato la partnership con Miro. Buon segno?
Si è concluso un anno di rodaggio. Con un territorio e una clientela tanto vasta, è stato inevitabilmente un anno di approccio sia verso le concessionarie (attrezzature come quelle per l'accettazione del veicolo sono di interesse strategico per il business nell'ambito del service, abbiamo soluzioni che possono incrementare il loro guadagno), sia verso gli autoriparatori. Questo sarà l'anno in cui andremo a consolidare i rapporti. La mission SIPAV unisce vendita di prodotti e post vendita, il servizio di consulenza è sempre centrale.

Come riuscire ad essere incisivi sulla rete degli indipendenti?
All'autoriparatore proponiamo un servizio a 360 gradi, un servizio 'chiavi in mano'. Significa allestimento dell'officina progettazione compresa. E se l'officina già esiste, ragioniamo sulle diverse esigenze: dalla sostituzione di un'attrezzatura a un ampliamento fino alla realizzazione di una nuova sede.

Qual è la squadra in campo?
Cinque tecnici commerciali - agenti di commercio formati in modo da poter fornire consulenza tecnica - e un progettista. Ci presentiamo, indirizzati o accompagnati dai promoter, con condizioni riservate al consorzio.

Che cosa apprezza del management Miro?
La precisione e la gestione positiva del consorzio. È un rapporto che con l'andar del tempo potrà ulteriormente migliorare.

Un prodotto di punta dell'offerta SIPAV?
T Scan, un nuovo prodotto interessantissimo per le concessionarie auto e per le officine. È uno strumento che - lo si intuisce già dal nome - scannerizza il battistrada determinandone spessore e usura. Il riparatore fornisce quindi al cliente una serie di dati sulla sicurezza. Per esempio: il battistrada è consumato al punto che sarà necessario sostituire la gomma; attenzione che lo spazio di frenata sul bagnato si va ad allungare del 50 per cento... in più T Scan darà informazioni su 'come' il battistrada è consumato e quindi se è il caso di riallineare le ruote o invertirle.

  • Ecotassa auto: dura reazione di Asconauto
    7 dicembre 2018 - ''Adesso basta!''. Questa la reazione immediata con la quale Giorgio Boiani, vicepresidente con delega alla comunicazione di AsConAuto accoglie a Bruxelles l'informazione della possibile ennesima tassa sul settore contenuta in un emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera. La misura sta suscitando un coro unanime di proteste...

  • Black box, l'Rc Auto non... premia
    5 dicembre 2018 - Aumenta il numero di polizze assicurative abbinate alla black box ma il tanto sbandierato risparmio sull'Rc Auto non supera il 10 per cento. Il sacrificio della 'privacy', insomma, non pare adeguatamente premiato. "A quanto ci risulta", denuncia Adiconsum per voce del segretario nazionale, Andrea Di Palma, "a fronte di un aumento della loro...

  • In futuro auto sempre più “biologiche”
    3 dicembre 2018 - La scelta dei materiali per la realizzazione di una vettura ha sempre dovuto tenere conto di caratteristiche fondamentali per la buona riuscita di un prodotto come leggerezza e robustezza. Oggi, a queste peculiarità, se ne aggiungono di nuove, strettamente legate alla responsabilità ambientale degli automobilisti e alla loro...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK