Giovanni Rigoldi al Dealer Day: “Dobbiamo
imparare a governare la tecnologia"

Tre giorni di full immersion al Dealer Day per Giovanni Rigoldi, a Verona Fiera dal 14 al 16 maggio nella doppia veste di concessionario (AD di Autorigoldi) e di presidente del consorzio MIRO. Martedì è andata in scena AscoNight, tradizionale serata a inviti tra concessionari organizzata da AsConAuto.

Che cosa ha riportato da questa quinta edizione?
Avendo partecipato anche alle precedenti posso dire di aver 'contato' meno concessionari di altre AscoNight, ed è un peccato perché viene meno la logica della condivisione. L'unione fa la forza, ma se non avviene nei momenti creati appositamente, in cui si possono scambiare pensieri e considerazioni, si perde un'opportunità.
C'era il Dealer Day in corso, avrei apprezzato una partecipazione maggiore dei concessionari per condividere tematiche comuni in un contesto conviviale.

Dei contenuti del Dealer Day è soddisfatto?
Non sono emerse cose eclatanti rispetto alle passate edizioni, la bacchetta magica delle idee non ce l'ha nessuno. Torno a Milano con la conferma che portare la tecnologia in concessionaria è relativamente facile, governarla, e cioè farla funzionare in modo efficiente ed efficace, lo è meno.
Un'altra indicazione chiara è che tutti i dati in nostro possesso devono essere gestiti in maniera cliente-centrica e non puramente amministrativa, un'impostazione che impone ai dealer di strutturarsi con delle tecnologie ad hoc e delle risorse dedicate che abbiano questo tipo di sensibilità. Parliamo di professionalità di alto spessore che devi attirare, che hanno un costo, e che non tutti i concessionari possono permettersi. E capisci il perché di tante aggregazioni avvenute tra il 2018 e il 2019, da Autotorino che si è fusa con Autostar a Porsche Holding che ha acquisito tutte le più importanti concessionarie del Triveneto lungo l'asse Bergamo-Verona, passando per Trento.

Un vero Remix, come prometteva il titolo di Dealer Day 2019?
Rispondo come concessionario e come presidente di consorzio. La tematica dell'innovazione tecnologica è esplosa con tutta la sua forza anche nella concessionaria; non ci sono 'solo' l'elettrico, la guida autonoma, il car sharing - che dovremo in qualche modo subire perché sono decisioni prese a monte dalle case mandanti e indotte dalle amministrazioni locali (Milano, per esempio, oltre ad aver dichiarato guerra al diesel arriverà a bandire l'auto dal centro); ci sono progetti pazzeschi come l'hyperloop che collega Abu Dhabi ad Al Ain che sono già una realtà e che potrebbero essere replicati in Italia; ce l'immaginiamo un treno iperspaziale che collega Milano a Roma, che viaggia a energia solare e in cui transita di tutto? Altro che Tav! Senza spingerci troppo oltre, il messaggio che dobbiamo mandare forte e chiaro è che il percorso tecnologico del dealer venga sostenuto dai costruttori: per i necessari investimenti in tecnologia abbiamo bisogno che la casa mandante ci dia i margini per farli. Le alternative sono solo due: sottrarre risorse ad altro oppure costituire mega-aggregazioni.

Durante il Dealer Day è stata ufficializzata la partnership Federauto-AsConAuto. Ci sarà un ritorno per MIRO?
Ci sarà un ritorno per tutta la filiera automotive. Il fatto che AsConAuto e Federauto si 'parlino', cosa che non era avvenuta fino ad oggi, ha assolutamente senso. Hanno due ruoli diversi: Federauto di rappresentanza di tutti i concessionari, AsConAuto dei consorzi dei concessionari su una tematica specifica che è quella dei ricambi. Federauto avrà in AsConAuto un alleato sul fronte del post vendita.

A proposito di post vendita, è confermato il Service Day di novembre a Brescia?
Visto il successo della prima edizione, visto l'interesse che rappresenta per i dealer e per i riparatori indipendenti, rendere strutturale anche un focus sul service è assolutamente importante, anche perché nel Dealer Day ha un peso relativo.
Giusto che ci sia una fiera service-centrica, in ottica dealer e in ottica autoriparatore. Al Service Day di Brescia il riparatore avrà la possibilità di parlare con il concessionario, con i costruttori, con i colleghi, e di confrontarsi su tematiche comuni.

Nel segno esclusivo di MIRO sarà invece il week end del 7-9 giugno in Alto Adige?
Sarà un fine settimana dove coccoleremo una trentina di clienti top per fatturato e fedeltà al consorzio, e quindi al ricambio originale, e in cui faremo un refresh delle attività formative dello scorso anno a Stresa con i responsabili service o comunque gli uomini dei nostri magazzini insieme ai promoter.
Non mancheranno momenti comuni come il team building. E sarà un'altra sorpresa...

  • Grandi flotte, l'elettrico non sfonda
    14 ottobre 2019 - Nonostante gli eco-bonus previsti dal Governo nel 2019, l'offerta di vetture elettriche non sfonda nemmeno nel settore delle grandi flotte aziendali. A frenare i driver, che preferiscono affidarsi a veicoli diesel, sono limiti di autonomia, rete infrastrutturale insufficiente e scarsa conoscenza del prodotto. Migliora, per contro, la percezione delle...

  • Sicurezza stradale: quanto conta la vista!
    11 ottobre 2019 - Se alle visite per il rinnovo della patente di guida si misurassero tutti i parametri legati alla vista e non solo l'acuità visiva si potrebbero risparmiare 800 morti e 4500 feriti l'anno, oltre ad almeno 4 miliardi di spese. Lo ha detto, durante un incontro in occasione della Giornata mondiale della vista a Roma, Raffaele Sangiulo, Presidente...

  • Euro NCAP, BMW batte tutti
    9 ottobre 2019 - Cinque stelle per le Serie 1 e 3 della BMW, quattro per Peugeot 208 e Jeep Cherokee. Sono i risultati della sesta serie di test Euro NCAP 2019, il progetto internazionale di valutazione degli standard di sicurezza delle auto nuove di cui è partner l'Automobile Club d'Italia. Regina indiscussa BMW Serie 3, che ha conquistato i punteggi massimi nelle prove...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK