Renord, con Sergio Ceriani
facce nuove in magazzino

"Professional" e "Grande Sergio" si legge a commento della news pubblicata sulle pagine Facebook di Miro relativa al riorganizzato magazzino 'Renord'. Anche senza volerla mettere sul personale, è chiaro che tutto muove proprio da lui, Sergio Ceriani, che di quel magazzino è responsabile dal 2014, cioè dal suo ingresso nella concessionaria Renault-Dacia-Nissan di Sesto San Giovanni (Mi).

Proprio non le andava giù quel penultimo posto nella classifica Miro sull'operato dei magazzini, classifica, ricordiamolo, datata 2015...
Anche perché, nonostante quel giudizio poco lusinghiero, il volume di vendita dei ricambi che sviluppiamo con il consorzio è più che buono, i numeri sono in crescita e ci hanno sempre premiato. Diciamo che con il magazzino non c'era un grande feeling, mancava un po' di savoir faire con gli autoriparatori clienti.

Adesso c'è?
Più che altro ci sono stati alcuni cambiamenti significativi in organico: un magazziniere ha colto l'opportunità del prepensionamento, un altro andrà in pensione con la fine dell'anno, un terzo è stato spostato sulla sede di Via Carducci a Milano per dare supporto all'officina interna. Nel frattempo ne sono arrivati altri due.
Al netto di queste novità, oggi possiamo contare su quattro professionisti al banco interamente dedicati al cliente: rispondono al telefono, evadono le mail, si occupano dell'ordine a partire dalla richiesta di preventivo. Oltre a loro abbiamo due uomini che ricevono la merce, la spuntano, la dispongono sugli scaffali...

La preparano per il cliente Miro, insomma...
Abbiamo uno stock importante, sulla stragrande maggioranza dei ricambi garantiamo la consegna attraverso Miro in 24 ore. Ovviamente l'ordine deve arrivare per tempo, quindi entro le 17.30 del giorno prima. In Renord riceviamo in notturna, sia dal deposito di San Colombano al Lambro (Renault e Dacia) che da quello di Capena (Nissan). Alle 7 del mattino un nostro uomo è già presente e pronto ad avviare le attività di magazzino.

Il cliente si accorgerà di questi cambiamenti?
Lo spero. Il nostro è un cliente affezionato, che pur avendo alternative dentro il consorzio continua a scegliere di servirsi da Renord. Sto registrando anche dei clienti nuovi, il passaparola funziona. Su mia sollecitazione la proprietà ha fatto uno sforzo, ha accolto la necessità di introdurre dei cambiamenti. Vorrei che il cliente riconoscesse questo sforzo.

Gli ordini come arrivano?
Un 30 per cento utilizza Integra sia per i preventivi, sia per gli ordini, il 'restante' 70 il telefono. Non tutti sono strutturati per usare il portale, preferiscono chiamare anche se poi si sentiranno dire di mandare una mail. Io sposo appieno qualunque piattaforma che permetta di velocizzare le operazioni. È questione di tempo, ci si arriverà.

Lei è un innovatore. Contento della tracciabilità dei colli che AsConAuto sta testando in diversi consorzi della rete?
Molto. E non solo perché nel terzo millennio scrivere le etichette dei colli con un pennarello è assurdo, ma perché è un sistema che migliora sia il nostro servizio che quello di Miro. Se sapesse quante telefonate riceviamo dal cliente che vuole sapere "se la roba è partita"!

  • Mercato Europa, marzo in flessione
    20 aprile 2018 - Si chiude il primo trimestre 2018 per l'automobile in Europa con un mese di marzo che torna in flessione (-5,2 per cento), dopo 3 mesi. Secondo i dati diffusi oggi dall'Acea, l'Associazione dei costruttori europei, le vendite in Europa (Eu28+Efta) nel mese di marzo 2018 sono state 1.836.960 contro le 1.937.984 dello stesso mese dello scorso...

  • Assistenza auto: costi in lieve crescita
    18 aprile 2018 - Tra il 2015 e il 2017 i prezzi per l'assistenza auto nel nostro Paese hanno fatto registrare aumenti decisamente contenuti. Fatto 100 il dato del 2015, i prezzi nel 2017 si sono attestati a quota 102. Ciò vuol dire che in tre anni vi è stato un aumento di 2 punti percentuali. Sempre rispetto all'anno 2015, in gennaio 2018 vi è stato un ulteriore...

  • Autostrade, sistema Tutor a rischio
    11 aprile 2018 - Rimuovere i tutor dalla rete autostradale, la Società Autostrade ha copiato il brevetto di una piccola ditta toscana, la Craft di Greve in Chianti (Firenze). È quanto disposto dalla Corte d'Appello di Roma per una causa avviata nel 2006. I magistrati hanno riconosciuto la violazione del brevetto e ordinato la rimozione e la distruzione delle attrezzature esistenti...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK