Motorshop, prima della classe
nell'inchiesta di 'Al Volante'

"Sono contento ma non stupito. I nostri meccanici sono preparati, il cliente viene da noi per i prezzi vantaggiosi ma, soprattutto, per la rapidità e la qualità del lavoro". Elio Scipioni, vice capo centro 'Motorshop' di Milano, commenta l'ottima valutazione ottenuta dall'officina del circuito Midas di Viale Cassala nell'inchiesta sulla disponibilità e competenza di alcune officine indipendenti della metropoli condotta dal mensile 'Al Volante'.

Ci ricorda l'episodio?
Ricordo che un giorno, ora di pranzo (noi siamo aperti orario continuato), sono arrivati due signori con la spia dell'airbag acceso. Abbiamo subito attaccato la macchina allo strumento per la diagnosi e visto che il problema era uno spinotto scollegato. Azzerato l'errore, arrivederci e grazie.
Ho saputo qualche giorno dopo da un fornitore che eravamo finiti sul giornale, poi un cliente ci ha segnalato via mail che aveva letto un articolo su di noi ed è iniziato il passaparola. 

Ed eccoci qui. Ci accompagna virtualmente in visita in Motorshop?
È stata fondata da Nicola Desiderio e Luca Ciccotosto nel 1984, dopo aver lavorato in Porsche ed essersi anche fatti un'esperienza con gli impianti di condizionamento per le vetture quando non c'era ancora il 'clima'.
Nel 2000 Motorshop è entrata a far parte della rete Midas. Desiderio e Ciccotosto sono tuttora i due soci titolari con una quindicina di dipendenti e dodici ponti di lavorazione tra la sede di Viale Cassala e quella di Viale Cermenati, sempre a Milano.

La vostra attività prevalente?
Manutenzione: tagliandi, cinghie distribuzione, frizione, climatizzazione (e revisione presso altri centri con cui collaboriamo). In Viale Cermernati facciamo anche servizio cambio e deposito gomme per Red Bull.
Abbiamo una media ingressi di trenta veicoli al giorno, multimarca, dal 'pandino' al suv. In questo momento ho sul ponte due Mercedes, un'Audi e una 500 L.

La clientela è fedele?
Ci sono clienti che vengono da noi da quando siamo aperti. Il grosso è di Milano. C'è chi dice "conosco Nicola da 15 anni". Il passaparola fa tanto.

È con il passaparola che siete arrivati a Miro?
Ce l'ha proposto Sagam Volkswagen. Per noi il vantaggio era di non andare in giro a prendere i ricambi. Il servizio è ottimo, una consegna al giorno in Viale Cermenati, due in Viale Cassala e sempre con Pasquale, il 'nostro' fattorino, che è simpaticissimo e soprattutto puntualissimo.
Ordiniamo i ricambi prevalentemente via mail, ma c'è un rapporto di confidenza anche con i magazzinieri che sentiamo al telefono. E se abbiamo bisogno di supporto, con le concessionarie va alla grande. Sono tutte disponibili, alcune danno risposte immediate, siamo davvero tranquilli.

In Motorshop perché?
Per i prezzi vantaggiosi ma soprattutto per la rapidità e qualità del lavoro. Il lavoro veloce senza qualità è un lavoro fatto male. I nostri meccanici sono preparati, il cliente sta con noi e si chiacchiera, c'è familiarità, c'è un rapporto.

  • Mercato Europa, marzo in flessione
    20 aprile 2018 - Si chiude il primo trimestre 2018 per l'automobile in Europa con un mese di marzo che torna in flessione (-5,2 per cento), dopo 3 mesi. Secondo i dati diffusi oggi dall'Acea, l'Associazione dei costruttori europei, le vendite in Europa (Eu28+Efta) nel mese di marzo 2018 sono state 1.836.960 contro le 1.937.984 dello stesso mese dello scorso...

  • Assistenza auto: costi in lieve crescita
    18 aprile 2018 - Tra il 2015 e il 2017 i prezzi per l'assistenza auto nel nostro Paese hanno fatto registrare aumenti decisamente contenuti. Fatto 100 il dato del 2015, i prezzi nel 2017 si sono attestati a quota 102. Ciò vuol dire che in tre anni vi è stato un aumento di 2 punti percentuali. Sempre rispetto all'anno 2015, in gennaio 2018 vi è stato un ulteriore...

  • Autostrade, sistema Tutor a rischio
    11 aprile 2018 - Rimuovere i tutor dalla rete autostradale, la Società Autostrade ha copiato il brevetto di una piccola ditta toscana, la Craft di Greve in Chianti (Firenze). È quanto disposto dalla Corte d'Appello di Roma per una causa avviata nel 2006. I magistrati hanno riconosciuto la violazione del brevetto e ordinato la rimozione e la distruzione delle attrezzature esistenti...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK