Samuele Bigoni, un promoter
tutto entusiasmo (e idee chiare)

Lo intercetto mentre guida - tranquilli, ha le cuffiette - verso una concessionaria dove recupererà un ricambio urgente che consegnerà di persona a un cliente MIRO. Non è la norma, naturalmente, ma un promoter fa anche questo. Lo sa bene Samuele Bigoni, fresca new entry in un gruppo di sei, a cui persino la voce vibra di entusiasmo.

Sempre così contento?
L'impatto con MIRO è stato ottimo, sono felicissimo, ho trovato un gruppo fenomenale, i colleghi mi hanno subito reso partecipe. Mia madre lo capisce dalla voce che sto bene, prima mi sentiva sempre stressato.

Mi ha incuriosito. Da dove arriva?
Sono stato per tanti anni - ne ho 36 - un commerciale di multinazionali del settore dentale, un settore molto chiuso e ingessato. Ero arrivato a un buon livello come responsabile del Nord Italia, poi i 'baronetti' mi hanno segato le gambe ed è stato il colpo di grazia. "Sai che c'è?", mi sono detto, "cambiamo completamente aria". Ho fatto una ricerca random e mi si è presentata questa occasione tramite Adecco.

Il primo colloquio com'è stato?
Con Martino Falco e Matteo Milani a fine ottobre. Mi hanno chiamato la sera stessa; erano in dirittura d'arrivo con un'altra persona ma… hanno scelto me. Una settimana dopo, il 7 novembre, ero operativo.

Che cosa l'ha convinta?
Sinceramente, l'idea di 'uscire' dalla vendita come attività esclusiva. Dove lavoravo prima mi occupavo della gestione dei fatturati, della vendita diretta, della vendita B2B.
Anche con MIRO l'aspetto della vendita è importante, ma rientra in un discorso complessivo di cura del cliente. Le pubbliche relazioni contano. Io sono socievole per natura, sono una persona con cui si può chiacchierare e di cui ti puoi fidare.

Clienti di dove?
Circa 130 distribuiti nel nord ovest, nei comuni tra Magenta e Cormano, senza entrare in Milano città. Prossimamente, secondo l'agenda concordata con Martino, mi concentrerò su Magenta e zone limitrofe.
Per ora comunque i clienti li ho visitati tutti e, dieci giorni dopo essermi presentato e aver consegnato l'elenco aggiornato dei concessionari, ho fatto il secondo giro, più costruttivo.
Non ho trovato intoppi, direi che è stata buona la prima. Ho ricevuto il testimone da una ragazza benvoluta e mi sono presentato a mia volta come un ragazzo disponibile a fare tanto quanto se non di più.

Che cosa ha raccolto finora?
Sulla consegna mai mezza critica, solo elogi alla puntualità, alla capacità e disponibilità degli autisti. Se critiche ci sono state hanno riguardato qualche magazzino. Il servizio MIRO, a quanto ho potuto constatare, risulta eccelso. 

La 'missione' di Samuele Bigoni?
Mantenere il fatturato ricambi all'interno del consorzio. Il libero mercato dà la possibilità di aprire gli occhi, di confrontare in pochissimo tempo le tante opzioni. Ma essere clienti di una concessionaria MIRO non è 'solo' ordinare ricambi originali, è avere un canale di accesso diretto per ottenere informazioni tecniche e assistenza. E questo sarà sempre più importante in un futuro fatto di tanta tecnologia...
Ho conosciuto realtà dove il meccanico o il carrozziere non alza la testa dalla macchina e riparatori forse più lungimiranti che lavorano un po' di più da imprenditori, che non aspettano che il lavoro bussi alla loro porta, se lo vanno a cercare. 

Restando nel loro business?
Al 90 per cento. Anche i centri servizi mantengono come core business quella che è la loro origine, che sia carrozzeria o officina meccanica. Il resto, le gomme per esempio, sono un di più.

Chiudiamo con una nota personale? Che cosa mi dice del Samuele privato?
Ho tre figli - Beatrice di 11 anni, Mia di 4 e Diego di 2 mesi. Il tempo libero è figli figli figli...

  • Golf, un mito senza fine
    20 magio 2019 - La tanto attesa nuova generazione della Golf, la ottava dal debutto di questo modello nel 1974, arriverà in ottobre. A confermarlo è stato Herbert Diess, Ceo del Gruppo Volkswagen, che ha annunciato, durante la conferenza annuale degli azionisti, che la presentazione avverrà nella storica sede di Wolfsburg, dove nel 1937 è iniziata...

  • Guarda che luna, anzi no
    17 maggio 2019 - Sapevate che la luna piena influisce sulle percezioni dei guidatori e li distrae aumentando il rischio di incidenti del 4 per cento? Lo sostengono i ricercatori Donald Redelmeier dell'Università di Toronto ed Eldar Shafir della Princeton University, in uno studio che ha preso in esame 850mila sinistri avvenuti negli ultimi cinque anni in Giappone e circa...

  • Automotive a caccia di fondi pubblici
    15 maggio 2019 - Risorse per rinnovare il parco auto circolante e costruire le necessarie infrastrutture, una cabina di regia comune con le istituzioni e visione del futuro: con una sola voce Anfia, Federauto e Unrae chiedono al governo una decisa virata per il settore, e di ampio respiro "perché non si può rimanere sotto lo scacco di misure annuali". Nel corso...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK